Make your own free website on Tripod.com

Movimento Libertario

Cuba
Home
La nostra missione
Ultime notizie
Politica Economica
Politica Sociale
Politica Istituzionale
Pivilegiati d'Italia
Politica Internazionale
L'Italia nel contesto Europeo
L'Italia e le Istituzioni Internazionali
Iran
Cuba
Medio Oriente e Africa
Conflitto Israelo-Palestinese
Islam e Occidente
Guerra contro il Terrorismo
America Latina
Promozione della Democrazia
Onu
Stati Uniti
Europa e Relazioni Transatlantiche
Mass Media
Come Partecipare
Appuntamenti
Newsletters
Commenti
Cerca
Links
Contattaci

Opinioni/Editoriali,Reportage,News,Lettere

Opinione
 
La nuova politica di Bush su Cuba 
Positiva,anche se non abbastanza
 
di Stefania Lapenna*
 
La nuova politica di Bush nei confronti del regime di Castro ha attirato l'attenzione dei mass media,mentre la comunità cubana negli Usa è divisa sull'argomento.
I mass media si concentrano a descrivere come molti esuli cubani siano "contrari" alle nuove misure e minacciano di non votare per Bush a Novembre.
 
Certamente alcuni cubani non sono affatto contenti e vedono le nuove misure come "troppo restrittive e punitive",dicendo che i loro parenti a Cuba sopravvivono solo grazie alle rimesse degli esuli.
Il che è vero.
 
Tuttavia,però,la stampa non intervista il resto della comunità cubana esule negli Usa,dato che la maggior parte dei cubano americani,secondo ad un recente sondaggio,si dichiara favorevole alle nuove misure e intende votare per Bush.
Il sondaggio rivela come la maggior parte dei Cubani in Florida "appoggia fortemente Bush".
 
Le misure sono parte di un piano denominato 'Piano di Assistenza per una Cuba libera e democratica,che ha come fine quello di aiutare i cubani a rovesciare il regime comunista il prima possibile.
 
Le misure adottato dall'amministrazione Bush puntano a negare a Castro altre fonti di guadagno,limitando il flusso di soldi che arrivano tramite le rimesse degli esuli ed i loro viaggi a Cuba per incontrare i parenti.
 
Non sono misure punitive contro il popolo cubano nè contro gli esuli,come certa stampa dice.
La maggioranza dei cubani favorevoli,sanno dell'importanza di queste misure.
 
L'industria del turismo a Cuba è in mano a Castro ed al suo regime,perciò i soldi derivati dai viaggi a Cuba e dalle rimesse vanno anche nelle tasche del regime,che così rafforza il suo pugno di ferro contro il popolo cubano.
 
Essi sanno anche che queste misure sono necessarie se vogliono davvero liberare l'isola dal dittatore.
Quei pochi cubani che sono fortemente opposti a tale iniziativa,non sono per nulla interessati a portare a democrazia nel paese.
 
Sono tra quegli 'esuli moderati',spesso di centro-sinistra,che preferiscono aspettare riforme all'interno del regime,piuttosto che un totale cambiamento di sistema.
Quello che i mass media dovrebbero fare è chiedere ai Cubani che vivono nell'isola cosa ne pensano.
 
Dovrebbero chiedergli se vogliono ancora vivere sotto un regime stalinista per altri anni.
Certamente,eviteranno di rispondere,temendo per la loro vita, se solo provassero a dire ciò che pensano davvero.
 
Ma la risposta potrebbe arrivare da tutti quei cubani che scappano dall'isola via mare,rischiando talvolta la vita,per cercare libertà e prosperità.
 
*Stefania Lapenna è un'attivista politica ed una blogger.Visita il suo sito qui: http://freethoughts.splinder.com